Il centro di Psicologia e Psicoterapia del Dott. Mariano Indelicato, operante a Catania, Palermo, Messina, Ragusa, Trapani, Siracusa, Reggio Calabria, si occupa , all'interno del CE.SI.DEA (Centro Siciliano per la Depressione e i Disturbi d’Ansia), con specifiche tecniche, mutuate dalla Psicoterapia Sistemico-Relazionale, dei disturbi ossessivo compulsivi.

Essi prevedono la messa in atto di due tipi di comportamenti: le ossessioni e le compulsioni.Le ossessioni sono idee fisse, irrazionali che si presentano ripetutamente nella mente di un individuo.
Le compulsioni sono, invece, rituali, gesti ripetitivi che una persona non può fare a meno di non compiere. Esse vengono anche definite manie.

La irrazionale ripetitività delle idee come pensare di aver inavvertitamente fatto del male a qualcuno, di aver contratto delle malattie, di essere infettati dallo sporco o dai germi, di perdere il controllo di se stessi, di diventare omosessuali, etc.;  così come la ripetitività delle azioni (lavarsi continuamente le mani, riordinare le cose, controllare fino allo spasimo le azioni compiute come chiudere le porte, il gas, la luce etc.) non servono ad altro che attenuare l’ansia.
Sia le ossessioni che rituali e i cerimoniali che vengono messi in atto , comunque, non riescono a produrre l’effetto desiderato diventando, al contrario, essi stessi una fonte generatrice d’ansia. Il soggetto per calmare l’ansia ha bisogno di ripetere sempre più il cerimoniale fino al punto che  esso diventa un limite per la propria attività lavorativa e sociale.
Le ossessioni e le compulsioni vengono messi in atto in modo che il soggetto raggiunga una sorte di equilibrio sia al suo interno che con l’ambiente circostante. L’equilibrio raggiunto di certo è patologico.I disturbi ossessivo compulsivi, infatti:

Si innestano su una percezione della realtà basata su una fobia in cui il soggetto tenda di ridurre l’ansia generatesi attraverso la messa in atto di pensieri (ossessioni) o azioni (compulsioni);

Comportano la messa in atto di un comportamento che può essere di evitamento e/o di applicare rituali che possono ridurre l’ansia. Il soggetto può evitare completamente le situazioni, le persone o gli oggetti fobici, o può metter in atto nei loro confronti dei rituali o cerimonie;Fanno si che le risposte comportamentali possono essere di tipo preventivo o riparatorio. Nel primo caso il rituale viene messo in atto prima che accade qualcosa di spiacevole in modo dal sentirsi al riparo delle eventuali conseguenze; nel secondo, invece, il rituale serve ad evitare le conseguenze di una qualcosa che è accaduto. Il rituale di tipo preventivo, inoltre, può essere di tipo razionale o magico.  Le azioni preventive di tipo razionale scaturiscono dall’instaurarsi di un rituale che partendo da un’idea irrazionale serve ad evitare che avvengo determinate cose come il contaggio, le malattie, la perdita di controllo, etc. I rituali preventivo di tipo magico, invece, sono dei veri e propri riti propriazatori derivati da superstizioni o fiducia in poteri straordinari;Fanno in modo che i rituali vengano mesi in atto  da soli o con l’aiuto di un membro o dell’intera famiglia.  Generalmente, l’aiuto viene richiesto affinché non si entri in contatto con la situazione, la persona o l’oggetto fobico, o per controllare che il cerimoniale messo in atto sia giusto. La famiglia, in questo modo,  diventa ostaggio e in qualche modo complice del soggetto;Comportano che le cerimonie rituali per essere veramente rassicuranti devono essere, in funzione della fobia sottostante, o di tipo razionale per  cui seguono una logica di tipo numerico o irrazionali con un pensiero magico;Prevedono che le soluzioni trovate dal soggetto per sfuggire all’ansia della fobia sottostante, dopo un po’ di tempo diventano esse stesse patologiche in quanto tentano ad autoalimentarsi e diventino come la cella di  un carcere. Si crea una sorta di escalation per cui più viene messo in atto il rituale più diventa forte l’ansia sottesa alla fobia di origine;Fanno in modo che la ricerca di soluzioni terapeutiche avvenga solo nel momento in cui la messa in atto del rituale diventa una vera e propria mania da cui il soggetto non sa come uscire.Sebbene le ossessioni e le compulsioni dipendano dalle fobie sottostanti, riportiamo un elenco di ossessioni in cui comunemente ci imbattiamo:

Preoccupazione eccessiva per sporcizia, germi, urina e feci

Paura intensa delle infezioni

Perversioni sessuali

Paura di farsi del male o di far del male ad altri

Paura di provocare un evento negativo

Pensieri persistenti relativi a colori, numeri

Superstizioni

Preoccupazione intensa per quanto concerne moralità. religione, valor

Paura di dire qualcosa di osceno e/o offensivo

Immagini violente

Estrema preoccupazione per ordine, disposizione simmetrica delle cose

Le compulsioni  più frequenti sono:

Lavarsi le mani farsi la doccia, in modo ripetitivo

Pulire oggetti, mobili in modo eccessivo

Controllare ripetutamente elettrodomestici, luci, serrature, gas

Scrivere o leggere lo stesso testo molte volte

Contare il numero di vocali/sillabe di un paragrafo prima e dopo la lettura

Ripetere certi movimenti, alzarsi in un certo modo, fare le scale, etc.

Controllare eventuali danni a persone o cose

Contare un numero indefinito di volte

Necessità di dire o di fare cose per essere rassicurati


Presso il Centro di Psicologia  e Psicoterapia del Dott. Mariano Indelicato (Tel. 3388946941) a Catania, in via A. Padova n. 83 (tel. 095 505935),  a Palermo in Via Li Donni n. 7,  e a Reggio Calabria, presso il Poliambulatorio “Dr. Lamberti – Castronuovo” (tel. 0965 21822),,  è attiva l'Unità per il Trattamento Intensivo dei disturbi ossessivo compulsivi a cui suggeriamo di rivolgersi.


 Disturbi d'Ansia

Fobie

Attacchi di Panico

 

 

22858575 22852950 (`@````````` 266 263 5 110183775 110178150

Riceve a:

Catania - Via Padova n. 83             Tel. 095 505935

Palermo -.Via Li Donni, 7

Reggio Calabria - Via del Torrione 55 - Tel. 0965 811855

Linguaglossa - Via Pio IX, 2

Messina - Via Sant'Ermanno 1 -       

Consulenza Psichiatrica

Dott. Vito Fabio Paternò

Consulente dell' Ospedale
"San Raffaele" Milano

Via Padova, 83 - Catania

347 4601693

www.cesidea.it

Centro Siciliano Terapia di Coppia 

Via Padova, 83 - Catania 

 393 9838239

www.psicoterapiacoppia.it


Googlerank, pagerank di GoogleeXTReMe Tracker